Bentrovati ,

oggi parleremo di una delle D.O.C.G. piu’ famose e rinomate in tutto il mondo; il CHIANTI CLASSICO . Sono circa 350 le aziende che lo imbottigliano, e districarsi tra esse , scegliere la bottiglia giusta , per assaporare la vera essenza di questo grande terrior Toscano, non e’ affatto semplice.

Io ho scelto San Giusto a Rentennano di Cigala , azienda pluripremiata e celebrata da classifiche e riviste, ma questo ci interessa relativamente. Parliamo di bottiglie che si aggirano sui 15/20 euro , quindi alla portata tutti. Io sto bevendo in questo momento una 2006, e a distanza di 7 anni dalla sua vendemmia questo chianti ha raggiunto una piena maturita’, il colore e’ decisamente tendente al granato , in bocca e’ sapido , asciutto e  con un finale acido .

Il Chianti Classico non e’ un vino per tutti, anche se la sua fama ci suggerirebbe il contrario. Io ho cominciato ad apprezzarlo veramente solo da due / tre anni, e capitera’ spesso che qualcuno che lo beva insieme a voi pronunci la fatidica frase ” GLIE’ UN PO’ ASPRINO”… un po’ aspro e’ ..non ci sono dubbi ma e’ una delle caratteristiche principali del chianti.

Quindi se amate i supermorbidoni tipo Bolgheri non e’ il vino che fa per voi, o meglio non lo e’ ancora. Si non lo e’ ancora , perche ‘ se c’e’ una cosa di cui sono certo nell’enologia e’ che i gusti di un’appassionato cambiano continuamente e in modo proporzionale alla vostra curiosita’.

 

In poche parole piu’ sperimenterete nuove cose , e meno vi fossilizzerete sulle vostre certezze e con piu’ rapidita’ cambierete i vostri gusti. Andrea Scanzi (il vino degli altri) dice che la fine dell’ illuminazione enologica porta al Riesling Renano passando per i pinot neri di Borgogna , Champagne e Franciacorta.

Io non so se il percorso e ‘ uguale per tutti, ma so che abbiamo parlato poco di Chianti Classico , mi sono lasciato trasportare… Concludendo reputo questa azienda una tra le prime cinque  in Toscana sia per il suo Chianti Classico che per i suoi celebri I.G.T.  La RICOLMA e  PERCARLO.  Non mi resta che salutarvi . Ciao e alla prossima bottiglia.


 

Written on March 24th, 2013

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

l' amatore del vino is proudly powered by WordPress and the Theme Adventure by Eric Schwarz
Entries (RSS) and Comments (RSS).

l' amatore del vino

un blog che parla di vino in modo amatoriale, fatto da un semplice appassionato